Notre-Dame de Paris adattamenti

Notre-Dame de Paris: gli adattamenti di un capolavoro

pubblicato in: Cultura, Letteratura | 0

Il grande incendio a Notre Dame del 15-16 aprile 2019 ha riportato l’attenzione del mondo su un capolavoro della letteratura francese e mondiale: Notre-Dame de Paris (acquista), pubblicato da Victor Hugo a soli 29 anni.

Molti hanno ricordato il passo del romanzo in cui Hugo “profetizzò” (o meglio, immaginò in maniera estremamente verosimile) l’incendio della cattedrale:

Tutti gli occhi erano diretti verso la cima della cattedrale, ed era qualcosa di straordinario quello che stavano vedendo: nella parte più alta dell’ultima galleria, sopra il rosone centrale, c’era una grande fiamma che saliva tra i campanili con un turbinio di scintille, una grande fiamma che si ribellava furiosa.

Notre-Dame de Paris incendio
Fonte: wikipedia.it

Notre-Dame de Paris, primo grande successo dell’autore, ha avuto nel corso dei secoli numerosi adattamenti che testimoniano il suo grande successo di critica e di pubblico. Vediamone alcuni.

L’insuccesso della prima opera (1836)

Il primo adattamento segue il romanzo di soli 5 anni. Nel 1836 infatti va in scena un’opera in quattro atti con un libretto scritto da Victor Hugo, che adattò personalmente il proprio romanzo. La musica fu composta da una donna: Louise Bertin, compositrice e poetessa francese.

Alla prima rappresentazione, nonostante in teatro si trovassero numerosi amici e sostenitori di Louise Bertin, l’opera ricevette un’accoglienza negativa. Non mancarono i lamenti e i pettegolezzi che dicevano che l’opera della Bertin era stata portata in scena solo grazie al supporto di Hugo. Molti tra il pubblico, tra cui Alexandre Dumas, urlarono “è di Berlioz!” mettendo in dubbio la maternità dell’opera della Bertin.

I primi film

Il primo film ispirato a Notre-Dame de Paris è un muto del 1905, che dura solo 10 minuti. Un altro film muto, ben più noto, è quello del 1923 diretto da Wallace Worsley. Per la sua interpretazione del campanaro Quasimodo, l’attore Lon Chaney (già affermato) divenne una vera e propria star di Hollywood.

Il primo film sonoro è del 1939 e viene celebrato come uno degli adattamenti cinematografici più riusciti del romanzo. All’epoca il film fu molto acclamato, soprattutto per l’interpretazione di Charles Laughton nel ruolo di Quasimodo. Nel trailer del film viene descritto come l’interpretazione più brillante di tutta la sua carriera.

Nel 1956 viene distribuito il primo adattamento cinematografico a colori. Questa versione di Notre-Dame de Paris è considerata la più fedele al romanzo originale, soprattutto per la scelta di rispettare il finale tragico. Il film fu una produzione italo-francese ed è interpretato da Anthony Quinn (Quasimodo) e da Gina Lollobrigida (Esmeralda).

Victor Hugo in casa Disney

Nel 1996 la Walt Disney Pictures prende tra le mani il capolavoro di Hugo e crea uno dei suoi classici più cupi, ma anche più amati: Il gobbo di Notre-Dame. La colonna sonora fu candidata sia al Golden Globe che al Premio Oscar; l’autore Alan Menken è stato autore delle musiche di tanti classici Disney tra cui anche La Bella e la Bestia.

Leggi anche:
Jane Eyre e La Bella e la Bestia sono (quasi) la stessa storia

Notre-Dame de Paris Disney
Fonte: cinefact.it

Nel 2002 fu prodotto anche un sequel (Il gobbo di Notre Dame II), ambientato 5 anni dopo la morte di Frollo. La pellicola non seguì il successo della prima e perlopiù ricevette recensioni negative.

Notre-Dame de Paris e Riccardo Cocciante

Nel settembre 1998 avviene la prima rappresentazione di Notre Dame de Paris, spettacolo musicale scritto da Luc Plamondon e messo in musica da Riccardo Cocciante.

Cocciante e Plamondon hanno dichiarato che inizialmente avevano deciso di scrivere l’opera per puro piacere. A lavoro terminato, il risultato era però di tale qualità che hanno deciso di trasformarlo in spettacolo teatrale. Notre-Dame de Paris è ancora oggi lo spettacolo musicale di maggior successo nella storia di Francia.

Segui Sofia Fabrizi:

Blogger presso "Gli Appunti di Hermione" e scrittrice in erba, possibilmente fiorita.

Racconto donne e uomini del passato (che per mia sfortuna non incontrerò mai) nel mio blog "Gli Appunti di Hermione", disponibile nelle icone social qui a fianco. Collaboro con Frammenti - Rivista di attualità e cultura, dove coordino la rubrica di Letteratura. Quando non scrivo qua e là, studio Lettere Moderne presso l'Università di Siena. John Keats è il mio fidanzato segreto, ma rimanga tra noi: lui non lo sa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.