L. M. Montgomery lettrice dello “Strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”

pubblicato in: Cultura 0

«Ci sono tante Anne differenti in me. A volte penso che sia per questo motivo che sono una persona così problematica. Se fossi una Anne soltanto, sarebbe molto più comodo, ma non sarebbe interessante neanche la metà.» (Anne di Green Gables, cap. XX)

Frontespizio prima edizione Anne di Green Gables (1908)

Quale fonte è all’origine dell’osservazione di Anne sulle sue molteplici personalità? Senza dubbio il romanzo di Robert Louis Stevenson citato nel titolo della presente nota, che Lucy Maud Montgomery aveva letto e particolarmente apprezzato, e che non mancò di consigliare all’amico corrispondente Ephraim Weber (1870-1956). Difatti, nella corrispondenza superstite fra i due ho individuato una lettera datata 7 marzo 1905,1Esattamente nello stesso periodo in cui pare avesse iniziato a organizzare il materiale per scrivere Anne di Green Gables. in cui l᾽autrice canadese domanda:

«Avete mai letto il Dr. Jekyll & Mr. Hyde di Stevenson? Vale la pena leggerlo e infonde una potente lezione. Se vi capitasse fra le mani, leggetelo», e poco più appresso confessa: «Alcune “me” sono buone, altre no. È meglio che essere solo due o tre, penso – più eccitante, più interessante.»2Cfr. The Green Gables Letters from L. M. Montgomery to Ephraim Weber 1905-1909, edited by W. Eggleston, Ottawa, Borealis Press, 2001, pp. 24-25.

Prosegue poi chiedendo a Ephraim se gli fosse mai capitato di leggere qualche articolo scientifico sullo strano quanto interessante fenomeno mentale della doppia personalità.

Frontespizio prima edizione Strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde (1886)

In sintesi, quanto mostrato costituisce una prova inconfutabile che lo Strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde dovrà essere inserito nel novero degli spunti letterari che Montgomery utilizzò nella stesura del suo più celebre romanzo;3Alcune interessanti fonti sono state individuate da I. Gammel in Looking for Anne of Green Gables. The Story of L.M. Montgomery and Her Literary Classic, New York, St. Martin᾽s Press, 2008. leggendo Anne (e gli altri testi dell’autrice) non è raro imbattersi talune volte in vere e proprie citazioni, tal᾽altre, come in quella che vi ho segnalato, in allusioni che soltanto un arguto lettore riuscirà a cogliere e tenterà poi di trovare, come nel nostro caso, una conferma del riferimento in una qualche fonte alla quale l᾽autrice attinse.

Enrico De Luca

Strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.